POTATURE AUTUNNALI

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

In autunno si eseguono potature di alberi ad alto fusto e di svariati arbusti. La potatura è un intervento che crea una ferita nella pianta per cui è importante non potare con superficialità.

In questo periodo la maggior parte delle piante è in riposo vegetativo proprio per questo motivo le ferite da taglio si rimarginano più facilmente.

Possono essere potate tutte le Conifere (il Tasso, il Cipresso, il Ginepro, la Thuja, l'Abete, il Cedro etc.), gli arbusti sempreverdi e gli alberi a foglia caduca.

Le conifere vengono potate solamente se la chioma si è sviluppata in modo eccessivo per cui bisogna compattarla per evitare che si rovini con il gelo e la neve.

Gli arbusti sempreverdi come la siepe ( la siepe messa a dimora di recente o con piante giovani di 3/4 anni di Bosso, Cipresso, Lauroceraso e Alloro è da potare in primavera) ha bisogno di una potatura di mantenimento in autunno ed anche che le venga attribuita la forma desiderata. Gli arbusti sempreverdi sono quelli più resistenti alle basse temperature come l'Agrifoglio, il Lauro, la Piracanta ed il Ligustro.

Gli alberi a foglia caduca come il Faggio, la Quercia, la Betulla, il Liquidambar, il Salice etc. si potano in autunno quando tutte le foglie sono cadute con una cadenza biennale o triennale.